PERSEVERANCE – Le condanne

Il Gruppo Agende Rosse Modena Mauro Rostagno accoglie con grande soddisfazione l’esito del Processo di Primo Grado del rito abbreviato di Perseverance conclusosi con ben 22 condanne – che si aggiungono ai 14 patteggiamenti ratificati dal tribunale -, segno tangibile del riconoscimento dell’efficacia e competenza dell’azione investigativa dei Carabinieri di Modena e della Polizia di Stato di Reggio Emilia coordinati dalla nostra DDA di Bologna ed in particolare dalla Dott.ssa Beatrice Ronchi, a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’encomiabile ed inattaccabile lavoro.

Condanne che mettono un ulteriore argine agli affari della ‘ndrangheta in terra Emiliana ma che sono l’ennesima conferma, se qualcuno ancora volesse far finta di non capire, che nulla è finito: la lotta contro le infiltrazioni mafiose continua e continuerà perché nonostante le sonore condanne di Aemilia, fuori si continuano a muovere gli interessi delle famiglie mafiose, non sempre in modo silente ed affaristico, ma anche tramite l’uso della minaccia, della violenza e della prevaricazione nonché con il possesso di armi.

Perseverance è la dimostrazione che nonostante la testa della cosca sia stata fortemente decapitata, e con essa appiedati gli storici affiliati, le radici della pervasione mafiosa nel nostro territorio sono ancora oggi così profonde da trovare appoggio ed alleanza con nuovi e vecchi soggetti legati da vincolo parentale, sodalizi e biechi interessi.

Per questo il nostro appello va alla popolazione: non abbiate paura di segnalare e denunciare. Lo Stato c’è. E le maglie della Giustizia non perdonano.

 

Fonte: Gazzetta di Reggio 1 dicembre 2022

L’articolo PERSEVERANCE – Le condanne proviene da 19luglio1992.com.

(Visto 1 volte, 1 visite oggi)
Skip to content